Mandela Day non è un semplice evento, ma un modo per ricordare quanto un sogno si possa costruire solo con la forza di volontà, senza rabbia né violenza. Dopo aver narrato il moderno sognatore Christopher McCandless, proponiamo una riflessione sul grande sognatore e premio Nobel per la Pace Nelson Mandela. 

Perché il Nelson Mandela International Day?

Il Nelson Mandela International Day, Mandela Day per i social, si celebra il giorno 18 luglio. La data è emblematica: non è il giorno della morte del presidente Mandela, bensì quella del suo compleanno. Questo ci dice molto: per costruire un sogno, come quello di Nelson Mandela, è necessario ricordare il momento in cui ha visto la luce.

Chi era Nelson Mandela

Nelson Mandela, in qualità di presidente del Sudafrica (dal 1994 al 1999), non è stato solo un politico ed un attivista. E’ stato, ed è tuttora, simbolo della lotta contro il razzismo. Il suo sogno è divenuto storia grazie alla sconfitta dell’apartheid. Vittoria, quest’ultima, che gli conferì il premio Nobel per la Pace nel 1993. Nelson Mandela è stato un simbolo di coraggio tale da essere ancora vivo nel mondo moderno.

Dai Simple Minds agli U2, così Mandela ha ispirato la musica

Il mondo moderno non poteva non accogliere il presidente Mandela fra musica e cinema. Anzitutto, “Mandela day” è il titolo di un brano della compilation musicale Glittering Prize 81/92 del gruppo scozzese Simple Minds. Inutile dire quanto sia stato proprio questo pezzo ad ispirare il nome per l’evento del 18 luglio.
Gli U2, invece, hanno dedicato al presidente del Sudafrica un brano dal titolo “Ordinary love” che fa parte della colonna sonora del film del 2013 “Mandela – La lunga strada verso la libertà” diretto da Justin Chadwick. Restando in ambito cinematografico, non possiamo non citare la celebre pellicola Invictus” del regista Clint Eastwood. Nel film, Nelson Mandela è stato interpretato splendidamente da Morgan Freeman.

Nelson Mandela, moderno sognatore di pace

Per questo e molto altro, il presidente Mandela è simbolo immortale di pace per la quale è sempre necessario lottare. Per farlo è quanto mai essenziale non smettere di sognare e Nelson Mandela ne è ancora la prova. Ricordando una delle frasi più emblematiche del Premio Nobel: “La pace non è un sogno, ma per custodirla bisogna essere capaci di sognare”.