“Into the wild” perde il suo simbolo. Il bus del sognatore Christopher McCandless è stato “portato via” dalle autorità dell’Alaska, per motivi di sicurezza.

Le terre selvagge, dal film al sogno

Into the wild“, il celebre film biopic sulla vita di Christopher McCandless, non ha certo bisogno di presentazioni. Entrato nell’immaginario collettivo grazie anche ad una colonna sonora evocativa, dal 2007 il lungometraggio di Sean Penn ha reso noto al grande pubblico il luogo nel quale il protagonista ha trascorso gli ultimi giorni della propria vita: il “Magic bus” 142.
Uscito dalle pagine del libro di Jon Krakauer, il bus è col tempo divenuto estremamente simbolico tanto da divenire “meta” obbligata per i turisti.

Il bus vola via dalle terre estreme

Motivi di sicurezza“. Questa è la spiegazione che le autorità dell’Alaska hanno dato circa la decisione di rimuovere il bus dall’iconico luogo nel quale si trovava.
Ormai in decadimento e arrugginito, il numero 142 del Fairbanks Transit System era divenuto pericoloso. Durante gli ultimi anni, centinaia di turisti si sono avventurati in quelle lande mettendo a rischio la loro vita e costringendo molto spesso le autorità locali a soccorrerli.
Il dipartimento delle risorse naturali dell’Alaska ha utilizzato un elicottero per poterlo trasportare via, lasciando poche tracce di ciò che resta del sogno di McCandless.

Christopher McCandless, moderno sognatore

McCandless potrebbe essere definito come un vero e proprio sognatore. Scappato dalla Virginia all’inizio degli anni ’90, rifiuta il modello di vita capitalista. Per questo, iniziò un lungo viaggio che lo condusse nelle terre estreme dell’Alaska. Morì di fame nel 1992 all’età di 24 anni all’interno del suo spazio di libertà: il bus 142.
Fuggendo dalla casa natìa, il moderno sognatore Christopher ha attraversato il mondo vivendo di ciò che la natura poteva offrirgli. Nessun patrimonio, nessun immobile. In quel “Magic bus“, Christopher McCandless rinchiuse il suo sogno di vivere lontano dal mondo: solo lui e la natura incontaminata.