Greenpeace day: il 15 settembre si celebra la fondazione dell’associazione ambientalista più famosa del Pianeta. Ripercorriamo brevemente la sua storia, fatta di un sogno: salvare il Mondo proteggendo l’ambiente.

Vancouver, Alaska e test nucleari

Era il 15 settembre del 1971. Un gruppo di 17 attivisti protesta a Vancouver contro i test nucleari offshore in Alaska. In quel giorno nasce “Greenpeace”. Partendo da una organizzazione di campagne dalla tematica ecologica, la nota associazione ha ottenuto negli anni grandi risultati. Il termine “eco-crimini”, infatti, è stato coniato proprio da Greenpeace che nel tempo riuscita a farsi riconoscere. Sempre in prima linea per sensibilizzare i cittadini sulle questioni ambientali in tutto il Mondo, l’associazione ha cercato ogni giorno di testimoniare la propria missione.

Rivoluzione ecologica

Partendo dal tema del nucleare, Greenpeace ha portato avanti la sua lotta per riconoscere la Terra come il pianeta da salvaguardare dai disastri ambientali dell’uomo. Fra le sue campagne più note, infatti, si ricorda quella sul ritiro dei ghiacci nell’Artico fino alla protezione degli oceani e delle foreste pluviali. Nonostante le sue semplici origini, Greenpeace può contare su 2.9 milioni di attivisti sparsi in tutto il mondo. Grazie ad una distribuzione così capillare, l’associazione ha un’attività che non conosce soste.

Essere testimoni del cambiamento

Il modo più riconoscibile dell’operato di Greenpeace sono le petizioni. In questo modo, gli attivisti testimoniano pubblicamente le loro lotte e l’identità stessa dell’associazione. In questo modo, si può garantire una maggiore sensibilizzazione dei cittadini che possono aderire anche ad iniziative ecologiche quotidiane. Ad esempio, spegnere le luci inutili in casa, oppure seguendo le giuste indicazioni per la raccolta differenziata dei rifiuti. Proprio per questo, celebrando il Greenpeace day si ricorda quanto sia essenziale ed importante adottare un comportamento “eco” nella vita di tutti i giorni.  Il sogno di cambiare il mondo appartiene  a tutti i cittadini del pianeta. L’importante è credere che ognuno di noi può realmente fare la differenza nella società in cui vive. Citando l’emblematica frase di Martin Luther King “io ho un sogno”: che un giorno ogni valle sarà esaltata.