Galileo Galilei potrebbe essere definito uomo di scienza e astronomo. Noi crediamo che fosse anche un Moderno Sognatore. Vi spieghiamo perché.

La storia di Galileo Galilei: le sue scoperte rivoluzionarie

Il ritratto del grande scienziato Galileo Galilei che spinse l’uomo a interrogarsi sull’universo e i suoi misteri è ormai noto a tutti.
Negli anni, gli storici hanno delineato la sua figura. Pisano, inventore, fisico e Astronomo Galileo è noto soprattutto sia per l’invenzione del telescopio sia per il suo carattere rivoluzionario.
Come è ormai noto, il 21 agosto 1609 lo scienziato presentò al Doge di Venezia la sua invenzione. Per farlo, testò il suo nuovo strumento dal campanile di San Marco.
Grazie a due lenti (una concava ed una convessa), Galileo dimostrò come fosse possibile “avvicinare” alla vista oggetti molto distanti.
Oggi siamo soliti definire lo strumento “telescopio”, eppure il prototipo dell’astronomo pisano altro non era se non un cannocchiale.

Le idee di Galileo

La rivoluzione di Galileo non è “solo” nello strumento in sé, ma soprattutto nell’aver avuto la rivoluzionaria idea di cambiare prospettiva visiva. Alzando gli occhi verso il cielo, lo scienziato ha modificato radicalmente il modo di osservare il Mondo.
Grazie a questa rivoluzione, infatti, Galileo ha potuto osservare la Luna, descriverne montagne e crateri e calcolare la distanza fra le stelle.
Osservando il cielo, lo scienziato poté appoggiarsi a quanto teorizzato da Copernico anni prima dando una spiegazione più tangibile.

Galileo il sognatore rivoluzionario

Proprio per questo, se oggi volgiamo il nostro sguardo alla Luna lo dobbiamo a Galileo.
Prima di divenire vera e propria “rivoluzione”, la sua idea era un vero e proprio sogno: dare all’uomo una prospettiva in più. Grazie ad essa, siamo giunti sulla Luna ed abbiamo sognato continuamente poesie e letterature a riguardo. La community di LERÊVERIES, crediamo fortemente che volgere lo sguardo altrove cambiando prospettiva sia alla base dell’essere “moderni sognatori”. In questo, Galileo ne è stato il precursore.